Denuncia la presenza di amianto nell’impianto manutenzione, Trenitalia lo licenzia

La paradossale vicenda di Antonino Pulitanò, l’O.R.S.A: “vicini al collega che ha avuto il coraggio di dire come stanno le cose”

 

 

“REGGIO CALABRIA. Lo scorso 28 ottobre, Antonino Pulitanò, Responsabile della Sicurezza dei Lavoratori, in servizio all’Impianto Manutenzione Rotabili di Reggio Calabria, è stato licenziato da Trenitalia S.p.A. Il licenziamento, denuncia oggi il Sindaco O.R.S.A. è giunto, a valle di «una serie di sanzioni disciplinari reiterate al collega e integralmente contestate dallo stesso, per infrazioni commesse dal Pulitanò nell’ambito del rapporto di lavoro». Irregolarità che, ad avviso della segreteria nazionale del Sindacato, anche qualora confermate, «non giustificano un provvedimento di licenziamento, che soprannominiamo “a punti”».
“A punti” perché la struttura della contestazione disciplinare, che è sfociata successivamente nel provvedimento di licenziamento, richiama in ogni parte la recidività delle infrazioni contestate al Pulitanò; una sorta di patente a punti – con la differenza che – in questo caso, non è previsto il riaccredito del posto di lavoro, salvo l’eventuale reintegro disposto dal Giudice.”

Fonte ed approfondimenti qui: ReggioTv

 

I commenti sono chiusi.