Notizie ed informazioni di Cosenza e Provincia

Lettera ad Occhiuto: “Consentiteci di stare con i familiari dei pazienti (no Covid) in ospedale”

Riceviamo le parole del nostro lettore Francesco:

 

 

 

“Sono due anni già di pandemia.

Ancora oggi, al pronto soccorso, i nostri cari che non hanno contratto il virus, ma, soffrono di altre patologie, non possono essere assistiti da un parente, da un genitore, da una figlia.

Nessuno ne parla.

Solo richieste: Green Pass rafforzato, Green Pass Base, chi più ne ha più ne metta.

Vorrei chiedere al Presidente Occhiuto, di aprire il pronto soccorso ad i familiari dei pazienti ricoverati (non per il coronavirus), sempre con le dovute accortezze e protezioni.

Dico, basta!

Vogliamo stare accanto alle nostre mamme, ai nostri papà e a tutti gli altri famigliari che purtroppo soggiornano lì da giorni, con la dovuta assistenza, per altre patologie  ma si sentono soli ed abbandonati da tutti noi.”

 

 

Francesco Ciccio Capparelli