Warning: scandir(/var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1//listeners): failed to open dir: No such file or directory in /var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1/class.listeners.php on line 8

Warning: scandir(): (errno 2): No such file or directory in /var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1/class.listeners.php on line 8

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1/class.listeners.php on line 10

Warning: scandir(/var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1//shortcodes): failed to open dir: No such file or directory in /var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1/class.shortcodes.php on line 8

Warning: scandir(): (errno 2): No such file or directory in /var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1/class.shortcodes.php on line 8

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /var/www/webroot/ROOT/wp-content/plugins/spns_wp_plugin-1/class.shortcodes.php on line 10
Lettere 2.0: "Annunziata - Servizi igienici in condizioni deplorevoli e qualche pezzo di cemento poteva cadermi addosso." - COSENZA 2.0
Notizie ed informazioni di Cosenza e Provincia

Lettere 2.0: “Annunziata – Servizi igienici in condizioni deplorevoli e qualche pezzo di cemento poteva cadermi addosso.”

Riceviamo la seguente segnalazione da parte di una nostra lettrice

 

 

 

“Qualche giorno fa mi sono recata all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, come ormai da un anno, per effettuare una visita di controllo dell’impianto del loop recorder (dispositivo di registrazione cardiaca) e ciò che ho visto mi ha lasciata senza parole.

Tecnicamente si dovrebbe trattare di una struttura sanitaria e noi pazienti, ma, soprattutto chi ci lavora, dovrebbe poter lavorare in maniera sicura e sentirsi al sicuro.

Le foto credo parlino e si commentino da sole.

Nel frattempo che aspettavo il mio turno per il controllo sono entrata nel servizio igienico esterno del reparto, come si evince dalle foto il tetto sta cedendo e sul pavimento vi è la prova tangibile.

Ma nel momento in cui sono entrata per parlare con l’infermiera, mentre aspettavo che finisse il suo operato per dedicarmi del tempo, non ho potuto fare a meno, perché di fatto è la prima cosa che salta all’occhio, di guardare le condizioni deplorevoli di quel soffitto.

In quella stanza noi pazienti entriamo per prendere la prenotazione per il controllo successivo o per attendere i risultati di un elettrocardiogramma.

Preciso che l’infermiera in questione, con garbo, gentilezza e con tanto di scuse mi ha chiesto di attendere davanti alla porta di quella stanza per evitare che qualche pezzo di cemento, pietra o calcinacci accidentalmente mi cadesse addosso.

Siamo nel 2021, ed ancora si parla della sanità calabrese, ancora si parla del degrado e del disagio che vivono gli infermieri, i dottori ed i pazienti in quelle stanze, aspettiamo di dover aggiungere a questo elenco anche le “morti bianche”?

E la sicurezza del paziente in che posto, nelle priorità, è posizionata? “

 

Lettera firmata

 

Ecco altre foto