Lettere 2.0: “Per salvare il pianeta non è necessario avere i superpoteri”

Riceviamo dal nostro lettore Francesco:

 

 

Stamani ho fatto una passeggiata in riva al mare sulla costa tirrenica.

Oltre al lerciume degli scarichi che, ahinoi, rende impossibile la balneazione (ai più coscienziosi), ho trovato tutta questa plastica e spazzatura nel raggio di 100 metri spiaggia.

Ho preso una busta e ho raccolto quanto più potevo, a mani nude. Ho poi scambiato qualche chiacchiera con una signora dall’accento settentrionale che si era avvicinata chiedendomi cosa fossero quelle strie marroni nell’acqua e meravigliandosi del fatto che a giugno, non ci fossero cassonetti per la raccolta dei rifiuti sulla spiaggia.

Ho deciso di pubblicare queste foto non per avere il plauso dei miei contatti, quanto più per tentare di sensibilizzare i più restii verso la questione ambientale.

Ritengo infatti che solo mediante la diffusione di tali immagini ci si possa rendere conto della gravità della situazione. D’altronde basta fare una passeggiata su una costa qualsiasi per averne conferma.

Quando andate al mare, in montagna, o al parco, vi prego, non abbandonate la vostra immondizia. Se proprio siete in vena, raccogliete la plastica lasciata dagli altri.

Per salvare il pianeta non è necessario avere i superpoteri.

 

(Francesco Liborio)

 

I commenti sono chiusi.