Lettere 2.0: “Sono di Donnici …ed oggi sono amareggiata…”

Riceviamo dalla nostra lettrice con preghiera di diffusione:

 

 

Ho passato a Donnici i miei anni migliori.

Ho i miei ricordi più belli, serate passate davanti ad un buon bicchiere di vino e quattro chiacchiere tra amici, già perché l’amicizia per me è sempre stata cosa seria.

Se uno di noi aveva un problema, quel problema veniva condiviso e diviso in parti uguali e come per magia quello che fino a due minuti prima sembrava un “guaio” si dissolveva in un sorriso collettivo.

Ecco, sono amareggiata oggi, perché quel paese che tanto amo ha fatto festa quando invece era l’ora del silenzio e delle preghiere per chi crede.

Esisteva un tempo in cui il dolore di una madre era il dolore di una comunità intera e io sono vissuta in quel tempo e con forza condanno chi ieri sera era in piazza a festeggiare il nulla di una società malata.

E niente, solo una riflessione…

Letizia Cicchelli

 

I commenti sono chiusi.