Cosenza – Francesco Capuano vince il primo Festival canoro con artisti speciali in Calabria

“Tutti possono farcela…” – Queste tre parole hanno generato un attimo di silenzio che è esploso in un lungo applauso.

 

 

 

A pronunciarle è stato Francesco Capuano, il vincitore del primo Festival canoro con artisti speciali in Calabria.
Il teatro Cinema Italia, nella serata di ieri, è stato protagonista di un piccolo grande miracolo di Natale.

La città di Cosenza si è colorata di solidarietà e sensibilità.
Sul podio dei vincitori, accanto a Francesco, c’erano Martina Iseppetto e Mario Federico, che hanno deliziato il pubblico con due esibizioni emozionanti.
Gli spettatori, attenti, hanno gustato ogni istante con un sorriso e qualche lacrima di commozione.

Martina, non vedente, ha avuto la capacità di aprire gli occhi ed il cuore di tutta la platea, cantando con passione e con una interpretazione eccellente del brano.
Mario Federico, dopo la sua esibizione coinvolgente e tecnicamente perfetta, ha ringraziato il pubblico e ha dedicato il suo impegno alle persone affette da artrite reumatoide, una malattia con la quale combatte da anni, trovando la forza nello sconfinato amore verso suo figlio e nella sua carriera sportiva.

Il concorso è stato presentato egregiamente e, grazie alla spinta di Gianfranco Cristiano, presidente della M.D.D. (Associazione Movimento Disabili), ha ottenuto il meritato successo.

L’associazione M.D.D. è da anni attiva nel territorio cosentino con lo scopo di aiutare e valorizzare le persone diversamente abili ; nata dall’impegno di genitori premurosi, si è consolidata nel tempo ed è divenuta punto di riferimento nell’ambito del sociale.
Un viaggio all’interno dei sentimenti, della sensibilità, della vita, una grande famiglia, un’ancora, un trampolino di lancio: è questo che gli operatori del Movimento Difesa Disabili cercano di costruire quotidianamente, lottando con le barriere architettoniche e le barriere culturali che purtroppo sono ancora molto presenti nella società odierna.

A far da cornice alla serata è stata la scuola di Danza ” Sulle Punte” della maestra Rossella Greco, che ha coreografato egregiamente ogni singola esibizione. Un applauso va anche alle Majorettes del Savuto di Rogliano, che hanno esaltato il pubblico creando un’atmosfera suggestiva.

Numerosi sono stati anche gli ospiti presenti, tra i quali il tenore Giuseppe Morrone, ” sempre disponibile e incoraggiante “, come sottolinea lo stesso Gianfranco Cristiano.

Un’esperienza davvero positiva e toccante, che abbraccia la tematica della diversità intesa come valore aggiunto e non ostacolo.

Credo fermamente sia necessario che ognuno di noi si apra ad una riflessione intensa, e che comprenda che dedicare del tempo alle persone diversamente abili è un dono da fare prima di tutto a noi stessi.
Complimenti a tutti i cantanti che hanno contribuito alla riuscita del Festival.

(Assunta Spidalieri)

 

 

I commenti sono chiusi.