Dpcm di Natale, per Spirlì «è un atto criminale». E dice no alla candidatura

«Candidato io? No, per carità. Faccio il mio lavoro e poi torno a scrivere come voi»

 

 

“«Chiudere i territori e le attività produttive come la ristorazione nelle tre giornate in cui la massima solidarietà e il senso di affratellamento trovano coronamento e decidere già da oggi che in quei giorni non ci si debba spostare nemmeno di poco, lo trovo un atto quasi criminale».”

Fonte ed articolo completo qui: Corriere della Calabria