Lettere 2.0: “Ci siamo anche noi in Radiologia… a combattere contro un nemico invisibile”

Riceviamo dal nostro lettore Franco, TSRM dell’Annunziata:

 

 

Caro Presidente, probabilmente questo messaggio non lo leggerà oppure sarà qualcun’altro a farlo per lei e lo cestinerà senza che lei ne venga a conoscenza.

Sono uno dei tanti operatori sanitari, tecnico di RADIOLOGIA, che in questo periodo, buio per il mondo intero, sta lottando a mani nude contro un nemico invisibile e invincibile chiamato coronavirus. Mi duole molto sentire che ogni giorno vengono ringraziati medici, infermieri, oss, forze dell’ordine, mentre di noi NESSUNA menzione.

Eppure siamo noi a trovarci da soli con il paziente COVID19. Siamo noi che li posizioniamo sul tavolo radiografico o sul lettino Tac. Siamo noi ad aiutarli a scendere e se possibile dargli una parola di conforto.

Siamo noi a dirgli bugie in caso di esito positivo, ma SOPRATTUTTO siamo quella categoria di operatori sanitari che con professionalità e soprattutto con coscienza permettiamo ai nostri medici radiologi di fare una diagnosi precoce ed esatta.

Quello che vi chiediamo è una pacca sulla spalla, una parola di conforto ma SOPRATTUTTO che quando ringrazierete MEDICI ed infermieri non vi dimenticate di noi TSRM.

Come dite sempre, rispettando le regole potremo farcela.

FINO ALLA FINE. GRAZIE

 

Franco Verrino – RADIOLOGIA, tac e rmn body – Annunziata Cosenza

 

I commenti sono chiusi.