Lettere 2.0: “Voglio ringraziare gli angeli che mi hanno soccorso sulla pista di Camigliatello”

Riceviamo dalla nostra lettrice Maria Francesca:

 

 

 

Salve sono Maria Francesca, vi scrivo in riguardo a quello che mi è accaduto giorno 8 febbraio sulle piste di Camigliatello Silano.
Mentre sciavo accidentalmente sono caduta sbattendo testa e bacino… ed inconscia dell’accaduto mi sono ritrovata sdraiata in mezzo alla pista, dolorante e quasi priva di coscenza.

Mi sono accorta dopo poco tempo che al mio fianco c’era un signore di nome Romolo che si accertava delle mie condizioni fisiche, avvertendo immediatamente i soccorsi dell’ARSAC e del 118 di Camigliatello Silano, che sono arrivati in pochi minuti.

Ho trovato persone di altissima competenza sia a livello professionale che umano, i quali sono riusciti a mettermi a mio agio, quasi come se non fosse accaduto nulla.

Arrivata giù in barella, dopo un viaggio che mi sembrava interminabile, mi hanno trasportato nella sede di primo soccorso dove sono stata visitata da tutto lo staff in servizio. Per fortuna non ho riportato gravi conseguenze.

Dopo questa mia esperienza voglio rispondere alle tante persone che senza conoscere esprimono spesso pareri negativi verso gli angeli che svolgono il proprio lavoro in modo professionale e accurato. Vi posso garantire che siamo in ottime mani.

Voglio ringraziare in particolar modo il Sign. Romolo che è stato vicino a me fino alla fine e i due soccorritori, il Sign. Franco Acquino e il Sign. Massimo Scicchitano, e l’ARSAC tutta.

Grazie mille di cuore.

(Maria Francesca Pantusa)

 

I commenti sono chiusi.