Spaccio a Cosenza: lo stratagemma del pannolino per sviare i cani antidroga

La Procura di Cosenza ribadisce la preoccupante entità del fenomeno di consumo e dello spaccio di stupefacenti. Spagnuolo: «Certamente non sarà l’ultima operazione»

 

 

“L’operazione Sette note condotta dalla polizia di stato e coordinata dalla Procura, ha disarticolato una piazza di spaccio radicata in particolare nel rione San Vito.
Gli indagati erano ben coscienti di essere monitorati per questo utilizzavano nelle conversazioni telefoniche un linguaggio criptato, adottando termini tipo “panino” o “tartufo” al posto di cocaina e marijuana. Dalle indagini emerge anche un curioso stratagemma utilizzato per aggirare le perquisizioni domiciliari a cui erano periodicamente sottoposti.”

Fonte ed articolo completo qui: LaCNews24

 

I commenti sono chiusi.