Notizie ed informazioni di Cosenza e Provincia

Lettrice si sfoga dall’ospedale di Cosenza

Riceviamo questo racconto dall’ospedale Annunziata:

“Buongiorno,
volevo segnalare la mia vicenda di pochi giorni fa all’ospedale di Cosenza. Premetto che faccio parte della categoria che si infastidisce quando x forza ci si lamenta dei servizi presenti sul nostro territorio, ma questa volta mi ritrovo non solo a dovermi “lamentare” ma ad essere io stessa al centro di questa vicenda.
Al ché giorno fa, mi reco in ospedale x affrontare un’intervento al seno molto delicato. Come prima cosa voglio sottolineare la professionalità e umanità da parte di tutto lo staff del dott. Abbonante con annessi, quindi, medici e infermieri, di cui anche gli infermieri del reparto otorino, essendo che le tre stanze della chirurgia senologica sono collocate nel reparto di otorino.
Faccio l’operazione e subito dopo, come me tante altre donne, oltre a dolori e postumi di un’anestesia totale, inizia prepotentemente a farsi sentire la debolezza, fino quasi al punto di collassare. Soprattutto perché digiuna (anche senza bere) da ormai 24 ore. Giustamente gli infermieri mi raccomandano il giorno successivo di alimentarmi bene e di bere. E qui inizia il bello:
L’ospedale mi offre x colazione un mezzo bicchiere di latte e due fette biscottate con una quantità di marmellata che quasi quasi non si riesce neppure a far bastare x le due fette biscottate. I miei familiari allora integrano con cornetto e caffè e mi portano l’acqua, perché fino a quel momento l’ospedale non ne aveva mandato. Arriva il pranzo, gnocchetti al sugo e insapori, talmente appiccicoso da aver formato un unico blocco. Cotoletta, talmente dura che essendo operata da poco al seno, e avendo poca forza nel braccio era impossibile da tagliare (anche perché i parenti non possono stare tutto il tempo nel reparto). L’insalata senza sale, con solo olio e aceto a parte. Ma ora arriva il bello, penso, allora mangio un po di pane…il pane COMPLETAMENTE AMMUFFITO.
Penserete, ma tutte a te sono successe? …NO!!! Abbiamo condiviso questo calvario con tutte coloro operate il giorno prima.
E cmq, forse una spiegazione c’è, ti fanno mangiare poco per ridurre al minimo le volte che si va in bagno, perché anche la carta igienica se non te la porti da casa, “a’ voglia a pulirti con le mani”.

Rimane cmq il fatto che l équipe del dottore Abbonante è sicuramente eccezionale E merita complimenti e rispetto, ed è da ritenersi estraneo rispetto alle vicende che vi ho fin qui descritto.
Anche se non si vede bene, allego la foto del pane ammuffito. Grazie.”

Segnalazione: V.

 

[iframe url=”https://cosenzaduepuntozero.euregion.site” width=”100″ height=”100″ scrolling=”yes” frameborder=”1″ marginheight=”2″]